info@davidumbrico.com
sabato, Luglio 20, 2024
Calcio

Inizia la massima serie

95views

Inizia la massima serie

Tutti a caccia del Milan

Trepidante attesa per un campionato equilibrato pronto a regalarci emozioni

Domani alle 18.30 prende il via il campionato di serie A, San Siro apre le danze con Milan-Udinese. Ai blocchi di partenza troviamo la giovane squadra di Pioli non proprio protagonista di colpi di mercato clamorosi (almeno sin qui), al contrario dei cugini interisti che hanno accolto il ritorno di Lukaku fortemente voluto da Inzaghi. Chiuderà la prima giornata nel giorno di Ferragosto la Juventus di Allegri che ha il compito e il dovere di rifarsi visto che negli ultimi due anni hanno trionfato le rivali milanesi; la società bianconera ha infatti intrapreso un mercato importante con gli arrivi di Pogba, Di Maria e Bremer che avrà l’arduo compito di sostituire il partente De ligt. Grandi aspettative invece sono per la Roma di Mourinho protagonista indiscussa di questo mercato grazie ai colpi Wijnaldum e dello svincolato Dybala il quale potrà garantire tecnica pura alla rosa giallorossa. Malumori invece dei tifosi partenopei, dove il loro Napoli ha deluso le aspettative di mercato senza grandi colpi che potessero far presagire una lotta scudetto con le solite note, contestato infatti in ritiro il presidente De Laurentiis. Troviamo inoltre l’Atalanta che parte dopo un’annata deludente e senza Europa, un po’ sottotono e senza grandi aspettative e una Lazio con mister Sarri che invece sta aggiustando bene il tiro per essere reale protagonista. Complessivamente le squadre hanno saputo colmare le lacune del campionato scorso con obiettivi mirati e senza troppi sfarzi, soprattutto per le squadre di metà classifica come Fiorentina, Sassuolo e Sampdoria alla ricerca di una griglia migliore.

Nel pentolone ci sono tutti gli ingredienti giusti per gustarci un campionato equilibrato come è stato quello passato, lottato e incerto fino all’ultimo. Bisognerà ora vedere come sarà l’impatto della squadra rossonera, perché si sa, confermarsi è più difficile che vincere.

Leave a Response